Cerca nel blog

giovedì 31 dicembre 2015

La Israel Antiquities Authority indaga sulle abitudini alimentari dell'uomo di 10.000 anni fa. Si preferiscono i legumi

SEMI SCOPERTI IN SCAVI ARCHEOLOGICI DALL‘ ISRAEL ANTIQUITIES AUTHORITY
 
L‘uomo preistorico di 10.000 anni fa preferiva legumi nella sua dieta
 
Secondo i ricercatori dell‘Istituto  Weizmann e della Israel Antiquities Authority, l‘uomo preistorico che viveva in Galilea era specializzato nella coltivazione di legumi in generale, e fave in particolare. "Si tratta di una scoperta importante, che permette una più profonda comprensione della rivoluzione agricola nel sud del Vicino Oriente".
Lo studio congiunto dei ricercatori dell'Istituto Weizmann e della Israel Antiquities Authority, che negli ultimi anni ha esaminato i semi di fava ritrovati negli scavi neolitici in Galilea, fa luce sulle abitudini alimentari delle persone che vivevano nella zona 10.000 di anni fa. Il ritrovamento dei semi nei siti preistorici mostra che la dieta degli abitanti dell‘epoca consisteva principalmente di fave, così come di lenticchie e di vari tipi di piselli e ceci.
Lo studio è stato condotto dall’archeologa-botanica Valentina Caracuta, dell‘Istituto Weizmann, insieme a Elisabetta Boaretto e  Lior Regev, e in collaborazione con gli archeologi Kobi Vardi, Yitzhak Paz, Hamoudi Khalaily, Ianir Milevski e Omri Barzilai della Israel Antiquities Authority.
La moltitudine di semi di fava trovati nei siti neolitici scavati in Galilea nel corso degli ultimi anni indica la preferenza nella coltivazione della fava. La datazione dei semi, dichiarata presso il Centro Kimmel dell'Istituto Weizmann, indica un intervallo di tempo tra i 9.890-10.160 anni fa. Questi semi, sono stati trovati ben conservati durante gli scavi, in depositi interni già sgusciati. La dimensione uniforme dei semi mostra la loro coltivazione metodica, sono stati raccolti nello stesso periodo di tempo, quando i legumi erano maturi. Secondo i ricercatori, il mantenimento dei semi in depositi riflette una pianificazione agricola a lungo termine, i semi non erano conservati solo per l‘ alimentazione, ma anche per garantire raccolti futuri negli anni successivi.
 
I ricercatori hanno aggiunto, "L'identificazione dei luoghi dove le specie vegetali, oggi parte integrante della nostra dieta, sono stati coltivati è di grande importanza per la ricerca. Nonostante l'importanza dei cereali nell’ambito nutrizionale, che continua fino ad oggi, sembra che nella regione esaminata (a ovest del fiume Giordano), siano stati i legumi, ricchi di sapore e proteine, a essere la prima specie a essere coltivata. In quel periodo, un fenomeno noto come la rivoluzione agricola ha avuto luogo in tutta la regione: diverse specie di animali sono stati addomesticate e differenti tipi di
piante sono state coltivati in tutto il Levante, ed è ormai chiaro che l'area della Galilea era la principale produttrice di legumi in epoca preistorica . Questo processo è durato migliaia di anni, durante i quali alcune caratteristiche delle specie selvatiche furono modificate, e addirittura alcune specie vegetali vennero create. Tuttora, la maggior parte dei ceci coltivati ​​nel Paese provengono dalla regione della Galilea ".
Gli archeologi - che grazie all‘ utilizzo di tecniche avanzate hanno scoperto la datazione accurata dei semi di fava -  sono arrivati alla conclusione di aver trovato i semi di fava coltivati più antichi di tutto il mondo, risalenti a 10.125-10.200 di anni fa.
 
1-2. Fotografia aerea: il sito di scavo a Ahihud, dove sono stati trovati i semi di fava coltivati più antichi di tutto il mondo. Credito fotografico: Sky View Company, per gentile concessione della Israel Antiquities Authority.
3. Lo scavo ad Achiud. Credito fotografico: Yaron Bibas, per gentile concessione della Israel Antiquities Authority.
4. Antichi semi di fava coltivati, trovati a Ahihud. Credito fotografico: Kobi Vardi, per gentile concessione della Israel Antiquities Authority.
5. Una punta di freccia da Achiud. Credito fotografico: Kobi Vardi, per gentile concessione della Israel Antiquities Authority.
6. Una figurina da Achiud. Yaron Bibas, per gentile concessione della Israel Antiquities Authority.
 
 
 
In Galilea scavo della 
 
Israel Antiquities Authority

Il 5 febbraio 2016 c'è la 5° edizione del Raiffeisen Ski King: freestyle ski contest dell'Alpe di Siusi Snowpark (Seiser Alm/Südtirol).

Acrobati della neve per il Raiffeisen Ski King 2016

Tra le Dolomiti, il 5 febbraio 2016 c'è la 5ª edizione del freestyle ski contest dell'Alpe di Siusi Snowpark (Seiser Alm/Südtirol).

Sciatori volanti, acrobati della neve, intrepidi avventurieri invernali a caccia di peripezie. Si incontreranno tutti il 5 febbraio 2016 sullo scenario delle Dolomiti (Patrimonio Mondiale UNESCO) nell'area vacanze Alpe di Siusi (Seiser Alm/Südtirol) per dar vita ad un appuntamento fisso della storia del freeski altoatesino: il Raiffeisen Ski King. Il freestyle ski contest si svolge per il 5° anno consecutivo all'insegna di un grande spettacolo acrobatico, che ad ogni edizione attira un numero sempre maggiore di spettatori. D'altronde, la competizione, che vede protagonisti i migliori atleti del freestyle sulla neve, si tiene tra le moderne strutture dell'Alpe di Siusi Snowpark, uno dei più grandi ed attrezzati di tutta la regione alpina, considerato dalla nazionale italiana di snowboard il migliore d'Europa e vincitore degli Skipass Awards 2014 come Best Park, Best Jib Line e Best Pro Line. A conferma di ciò, nella stagione invernale 2015-2016 la nazionale italiana di freestyle (sci e snowboard) sarà in ritiro nell'area vacanze Alpe di Siusi.
Per il pubblico è emozionante osservare salti e discese al limite del possibile messi in scena da questi professionisti del freeski, che si destreggeranno, sul sottofondo musicale, tra le 60 strutture dell'Alpe di Siusi Snowpark e fra i suoi 1.500 metri di lunghezza. Occasione poi, anche per provare nei giorni successivi, indossando sci e snowboard, esercizi e tecniche sui diversi ostacoli dello snowpark, che ospita una particolare wood line con strutture in legno dalle forme di personaggi dolomitici intagliati, che tanto piace ai bambini.
L'ingresso al Raiffeisen Ski King è gratuito. E dopo la gara non mancano concerti di musica live ed una gustosa grigliata a cura dello Snowboard Club Panettone Bros.
  
Per informazioni: Alpe di Siusi Marketing (Seiser Alm/Südtirol)
Tel. 0471709600
E-mail: info@seiseralm.it 
Sito web: www.seiseralm.it





--
www.CorrieredelWeb.it

Una primavera sugli sci al costo di un solo skipass per tutta la famiglia, nel comprensorio di Carezza, in Val D’Ega (BZ)


Uno per tutti, tutti sulle Dolomiti

Una primavera sugli sci al costo di un solo skipass per tutta la famiglia, nel comprensorio di Carezza, in Val D'Ega (BZ)

Sole per una media di 8 ore al giorno, piste perfettamente preparate, garanzia di neve, massima accessibilità a pochi chilometri da Bolzano e un teatro bianco panoramico a 360 gradi che risponde al nome di Dolomiti, Patrimonio Naturale dell'Umanità UNESCO: da una vacanza sugli sci, davvero non si potrebbe voler chiedere di più. E invece, in Val D'Ega (BZ), dove ogni anno si sfida la vetta dei desideri di chi nel cuore ha la montagna e ai piedi gli scarponi, ancora una volta si è deciso di aggiungere una tessera a quel puzzle che sulla scatola dovrebbe riportare il titolo di "Soggiorno perfetto sulla neve".
Con Carezza Special, dal 19 marzo al 2 aprile 2016, famiglie con figli e coppie potranno sciare al prezzo di un solo skipass, godendosi il sole dell'esordio della primavera sui 41 km di divertimento del comprensorio Carezza Ski. Al partner e a due bambini sotto gli 8 anni, sarà infatti concesso in omaggio il giornaliero Carezza, se contestualmente un altro adulto acquisterà uno skipass di pari durata. L'offerta comprende 4 o 7 giorni in mezza pensione, skipass giornaliero Carezza per il partner e per 2 bambini sotto gli 8 anni (nati dopo il 28.11.2007) contestualmente ad uno skipass giornaliero acquistato da un adulto pagante, offerta speciale presso la scuola sci (30% di riduzione per il partner e 2 bambini sulla tariffa standard del corso collettivo, della durata di 15 ore su 5 giorni) offerta speciale presso i noleggi sci  (30% di riduzione per il partner e 2 bambini).


Per Informazioni: Val D'Ega Turismo
Tel. 0471 619500
Sito web: www.valdega.com



--
www.CorrieredelWeb.it

Zeiss presenta le nuove maschere da sci per la stagione invernale 2015/2016






Personalizzazione e sicurezza, le nuove parole d'ordine per Zeiss sulla neveZeiss presenta le nuove maschere da sci per la stagione invernale 2015/2016: tre nuovi modelli glamour e innovativi  e la lente Sonar, un vero concentrato di tecnologia.

La maschera da sci è un accessorio fondamentale per definire il proprio look in montagna. I modelli più ricercati sono quelli che riescono a proporre soluzioni sportive di alto livello senza però dimenticarsi di un tocco glamour.

Per il 2016, anno in cui vedremo ancora i colori fluo, i pantaloni baggy e le giacche oversize farla da padroni sulle piste da sci, Zeiss è pronta ad offrire agli amanti di sci e snowboard una nuova collezione di maschere, frutto della sua esperienza e della sua costante ricerca nello sviluppo di nuovi prodotti.

Il design super sottile e leggero delle maschere 2016, brevettato da ZEISS, offre allo sciatore una performance di alta qualità: il minor ingombro e la leggerezza garantiscono la massima libertà di movimento mentre l'ampio campo visivo dona la sensazione di non avere la mascherina indosso, garantendo un comfort prolungato e una maggiore percezione degli ostacoli.

Per gli amanti della neve Zeiss ha realizzato tre categorie di prodotti:

I modelli Combo, la novità assoluta dell'anno 2016, permettono allo sciatore una personalizzazione totale della propria mascherina. Caratterizzati da un design accattivante e colorazioni alla moda come l'arancione e il verde fluorescente, permettendo anche allo sciatore attento al proprio stile di giocare con i colori e di abbinali per le proprie esigenze. Per ogni maschera acquistata, infatti, si riceverà un elastico e un paraspiffero aggiuntivi. 
  • I modelli Duo, permettono di avere invece due lenti intercambiabili in una sola maschera per la massima performance visiva.  Offrono un'ampia scelta di colori e dettagli di tendenza per soddisfare i gusti sia del pubblico maschile sia di quello femminile, grazie alla maschera camouflage rosa e a quella dorata, elegante e trendy.
  • I modelli Mono, ideali per le condizioni di elevata luminosità, disponibili con un'unica lente, offrono una maschera per un total look bianco o nero.

Zeiss però non è solo un brand in grado di produrre accessori fashion, è soprattutto sinonimo di qualità, eccellenza e innovazione. L'azienda tedesca, leader del settore dell'ottica da oltre 160 anni, ha realizzato un'esclusiva colorazione, la SONAR by ZEISS, per le condizioni di scarsa luminosità.  Questa esclusiva tecnologia di colore, brevettata ZEISS, è stata studiata per aumentare i contrasti e facilitare l'identificazione di dislivelli e ostacoli sulla neve. In questo modo, lo sciatore può reagire al pericolo con maggiore velocità e sicurezza e non è costretto a rinunciare alle sue discese nemmeno in giornate nebbiose e nuvolose. 

La lente, inoltre, è stata testata durante wearing trials a Cortina d'Ampezzo in Italia e a Saas Fee in Svizzera, in collaborazione con l'Istituto di Optometria di Aalen e il Dipartimento di Medicina dello Sport della Ruhr-Universität di Bochum in Germania. I test hanno dimostrato che SONAR offre una performance superiore sia in termini di sensibilità ai contrasti, sia di percezione visiva e dei colori, rispetto a lenti ad altro contrasto disponibili sul mercato. 

La nuova collezione è disponibile unicamente presso i migliori Centri Ottici ZEISS. Per maggiori informazioni e per ricercare il Centro ottico più vicino a casa propria è possibile consultare il sito internet al link:



--
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 30 dicembre 2015

Notte di San Silvestro a Primavalle: Enrico Capuano, Akuna Matata e Tammurriarè, Abraxa Teatro, Pittori e Poeti Anonimi del Trullo e tanti altri!

Notte di San Silvestro a Primavalle

31 dicembre 2015 dalle ore 18:00 alle 02:00

Stazione Metropolitana A - Battistini

Ingresso gratuito


Primavalle, cuore pulsante della Capitale in occasione del Capodanno. Non una semplice periferia, bensì una nottata incredibilmente ricca di festa, musica, spettacoli, colori e tanto divertimento per accogliere il 2016 nel migliore dei modi. Organizzato dall'Associazione Culturale e Artistica Kipling Academy, Notte di San Silvestro a Primavalle è un progetto vincitore dell'Avviso Pubblico di Roma Capitale "Notte di S. Silvestro in periferia" 2015.
Numerosi gli artisti di altissimo livello, il cui obiettivo è rendere unico l'ingresso nel 2016. Questa accattivante proposta di fine anno avrà inizio alle ore 18.00 del 31 dicembre con la proiezione - all'uscita della  Stazione metropolitana A Battistini - di un video mapping a cura di Aesop Studio, dal titolo Roma Segreta, con le immagini di Roma Antica che creeranno l'illusione di camminare sopra le rovine di Roma. Sarà come fare un tuffo nel passato per godere del fascino e delle meraviglie della nostra Capitale.
Inoltre i gruppi itineranti composti da Akuna Matata e Tammurriarè, accompagneranno e informeranno il pubblico e i passanti dall'uscita della metro al parcheggio di scambio di Battistini, intrattenendoli con le loro divertenti esibizioni e informeranno musicalmente i passanti e il pubblico all'uscita della metro.
Contemporaneamente, all'interno del parcheggio di scambio della metro A Battistini  (via Lucio II), si animerà un mondo fantastico con il teatro di strada di Abraxa Teatro, spettacoli  circensi, attività di strada e  street art per  bambini e famiglie con i Pittori e Poeti Anonimi del Trullo. I poeti intratterranno il pubblico (bambini e adulti) mentre i pittori dipingeranno delle tele a tema sul Capodanno che saranno donate al quartiere.
Alle ore 21,30  appuntamento con un grande concerto che vedrà protagonista il capostipite del Folk-rock italiano: Enrico Capuano e la sua band Tammurriata rock, il tutto corredato da tante sorprese che arricchiranno la serata. Capuano è stato il primo a proporre in forma moderna questo genere musicale creando una tendenza che si è ormai radicata nella musica italiana. Artista on the road sempre in giro a proporre quello che definisce "rock popolare", ci accompagnerà, con l'energia della sua musica, ad accogliere il 2016 in maniera assolutamente entusiasmante.  Gran finale, sempre musicale, con il dj set.
Notte di San Silvestro a Primavalle sarà il modo per concludere l'anno in maniera indimenticabile ed accogliere il 2016 con tutta l'energia e l'entusiasmo che solo i grandi artisti sanno trasmettere al pubblico.

INFO
Kipling Academy – Direttore Artistico M° Stefano Caponi
http://www.assokipling.com/
tel. +39 3382464287


www.comune.roma.it 
https://www.facebook.com/tourismrome/
060608 
@060608it
060608, il numero di #Roma Capitale dedicato alle informazioni turistiche e culturali della città. // +39 060608: #Rome's #tourism and #culture contact centre

Il 6 gennaio 2016 l'Epifania si festeggia tra avventure, boschi incantati e formule magiche con tutta la famiglia al Castello di Gropparello (PC)

“Viva viva la Befana!”

Quest’anno l’Epifania si festeggia tra avventure, boschi incantati e formule magiche. Appuntamento per tutta la famiglia, il 6 gennaio 2016 al Castello di Gropparello (PC).

“L’Epifania tutte le feste porta via”, si dice. Ma prima di archiviare definitivamente le vacanze per tornare alla quotidianità, c’è ancora il tempo per una fantastica avventura. Il Castello di Gropparello (PC) aspetta grandi e piccini per trascorrere una giornata tra giochi, sfilate e incantesimi.
Il 6 gennaio 2016, infatti, la Befana a cavallo della sua scopa sorvolerà le colline piacentine per valutare chi, tra i piccoli ma temerari avventurieri, sarà così valoroso da meritarsi una calza piena di dolcissimi doni.
La giornata inizierà alle ore 10, quando le porte del Castello si apriranno (e sarà meglio farsi trovare muniti di scopa e cappello a punta!) per una visita incantata tra le stanze e i segreti del maniero. Appena fuori dalle mura, nel bosco incantato, i bimbi potranno dimostrare la loro audacia combattendo orchi e streghe per difendere il feudo. Dopodiché li attenderà la Disfida della Befana: la prova con cui la vecchina cercherà di misurare il loro valore e le loro buone azioni. Sapranno guadagnarsi un dolcetto? Oppure dovranno accontentarsi di carbone e cipolle? Quale esito verrà scritto sulla loro personale “Pergamena del valore”?
Una giornata di animazione tra visite alla fortezza, avventure e formule magiche: il divertimento è assicurato per tutta la famiglia, genitori compresi, che potranno per qualche ora tornare bambini e divertirsi insieme ai loro figli.
L’ingresso al Castello, comprensivo delle attività e della merenda con la Befana, costa 15,50 euro per i bimbi dai 3 ai 12 anni; 19 euro per gli adulti. La prenotazione è obbligatoria.



Per informazioni: Castello di Gropparello
Via Roma 84, 20025 – Gropparello (PC)
Tel. 0523855814 
e-mail: info@castellodigropparello.it
sito web: www.castellodigropparello.it
www.castellodigropparelloeventi.it

Expedia: Vacation Deprivation 2015 - Cosa saremmo disposti a fare per un giorno di vacanza in più?



 Il 91% degli italiani ritiene che vacanze regolari siano importanti per salute e benessere.
Junk food, social media e alcolici tra le cose a cui rinuncerebbero.

Expedia, leader mondiale dei viaggi online, rivela le cose di cui italiani e stranieri sarebbero risposti a fare a meno, in cambio di un giorno di vacanza in più. Non stupisce che chi ama viaggiare sia disposto a rinunce e piccoli sacrifici pur di guadagnare una giornata di ferie. In tutto il mondo, infatti, quattro adulti su dieci associano le vacanze alla felicità, specialmente in India (61%), Thailandia (56%), ed Emirati Arabi (55%).
Ma quali sono, nel mondo, le cose che siamo disposti a fare, pur di strappare ventiquattrore di meritato riposo in più?
·         Il 51% rinuncerebbe al junk food per una settimana – specialmente in Nord Europa (il 64% dei norvegesi e degli svedesi, il 61% dei finlandesi) e in Spagna (61%) – e il 46% all’alcool
·         Il 42% rinuncerebbe ai social media, specialmente in Finlandia (54%) e in Messico (51%)
·         Il 37% sarebbe disposto a non guardare la televisione per una settimana, in particolare in Brasile (54%), Malesia (51%) ed Emirati Arabi (51%)
·         Ben il 23% direbbe no al sesso: non sembra un gran sacrificio per finlandesi (39%) e giapponesi (32%), mentre italiani e messicani rispettano la loro fama di “popoli latini” e chiudono la classifica – rispettivamente, solo il 13% e l’11% sarebbe disposto ad un simile scambio
·         Infine, c’è chi rinuncerebbe persino alla doccia (9%)

Anche in ambito lavorativo, le vacanze sembrano diventare sempre più prioritarie: in tutto il mondo, ben il 35% degli adulti con un lavoro accetterebbe una riduzione dello stipendio in cambio di un giorno in più di vacanza; le percentuali più alte si registrano in India (62%), Malesia (49%) ed Emirati Arabi (49%). Ben il 31%, potendo scegliere, preferirebbe ottenere più vacanze rispetto a un aumento di stipendio, specialmente in India (54%) e Svezia (42%). Il 55% ritiene che la possibilità di avere più vacanze sia un ottimo motivo per cambiare lavoro.
Italiani viaggiatori
Il 91% degli intervistati italiani ritiene che vacanze regolari siano importanti per salute e benessere, l’88% pensa che siano fondamentali per una migliore relazione con il partner e l’86% le considera utili per coltivare buoni rapporti con amici e famiglia.

Le vacanze sono così importanti che il 50% degli italiani sarebbe disposto a cambiare lavoro per avere più giorni di ferie, e il 27% accetterebbe una riduzione dello stipendio. Non solo; i nostri connazionali, pur di avere una giornata di vacanza e relax in più, eliminerebbero:
·         Social media (47%)
·         Alcolici (44%)
·         Televisione (39%)
·         Dessert (37%)
·         L’abito preferito (37%)
·         Il caffè (31%)


Gli italiani vorrebbero avere più giorni di ferie soprattutto per scoprire nuove mete (45%) e per concedersi vacanze più lunghe (43%). Proprio per chi è alla ricerca di destinazioni meno consuete, Expedia suggerisce le mete meno frequentate dagli italiani:
·         al primo posto tra le destinazioni meno battute dagli italiani si trova l’Islanda. È difficile incrociare turisti italiani sulla magica isola di ghiaccio che offre scenari mozzafiato ed è in grado di colpire anche i viaggiatori più esigenti, grazie ad una natura ancora incontaminata e a paesaggi dall’atmosfera lunare.
·         Al secondo posto dell’insolita classifica, si trova la Nuova Zelanda, terra giovane e meno celebre della vicina Australia tra i nostri connazionali, ricca di bellezze naturali e con una cultura vivace, che la rendono un paese ricco di attrattive.
·         Al terzo posto tra i paesi meno popolari tra gli italiani, la Norvegia, recentemente battezzato come paese più felice del mondo secondo il Legatum Institute di Londra e un’ottima meta per chi vuole assaporare appieno la cultura scandinava.
·         La lista continua oltre l’Oceano, dove il Canada è la valida alternativa agli evergreen States per immergersi nell’atmosfera natalizia più autentica, mentre in Asia sono Vietnam, Indonesia e Filippine le più ambite per chi è in cerca di un viaggio di fine anno che sia anche la vera alternativa alle guide più classiche.
·         Infine, il Sud Africa si attesta quest’anno al primo posto tra le destinazioni più prenotate da inglesi e tedeschi ed è sicuramente una valida opzione per i viaggiatori italiani in cerca di un clima più temperato e di emozioni forti come il bagno con gli squali ma anche di degustazioni di nuovi vini in magnifiche cantine.

Expedia
Expedia è una delle agenzie di viaggi online leader al mondo e offre accesso a migliaia di proprietà prenotabili in tutto il mondo, inclusi hotel familiari, di lusso o le più note catene, più di 400 linee aere e un’ampia gamma di noleggio auto ed attività in loco. Unendo l’ampia possibilità di scelta con strumenti specializzati per aiutare ad affinare le opzioni, Expedia.it aiuta i viaggiatori a trovare e creare il viaggio che soddisfa al meglio le loro necessità. Ora, con la premiata app mobile di Expedia, è possibile pianificare e prenotare voli e hotel in mobilità. L’app Expedia offre utili strumenti per gestire il proprio viaggio, come mappe degli aeroporti; orario del check out all’hotel e notifiche sullo status del volo; mappe dell’hotel e molte altre funzioni. Per ispirazioni e consigli di viaggio visitate la nostra pagina Facebook www.facebook.com/expedia.it
Expedia.it è parte di Expedia Inc. La società aiuta viaggiatori business e leisure, indirizza la crescente domanda e il direct booking ai travel supplier, e fornisce agli inserzionisti la possibilità di raggiungere un pubblico di alto valore di viaggiatori in market attraverso Expedia Media Solutions. Expedia permette inoltre prenotazioni per alcuni dei maggiori hotel e linee aeree al mondo, per i top brand nel mercato consumer, per siti ad alto livello di traffico e migliaia di affiliati attraverso attraverso Expedia® Affiliate Network. (NASDAQ:EXPE). Per notizie aziendali e di settore, visitate www.expediainc.com  o seguite l’account Twitter @expediainc.


Marchi registrati e loghi appartengono ai rispettivi titolari. © 2015 Expedia, Inc. Tutti i diritti riservati. CST: 2029030-50
 

martedì 29 dicembre 2015

Invasioni in Sardegna e influssi architettonici

La Sardegna conserva moltissime chiese, cattedrali, costruzioni religiose in stile architettonico romanico, tuttavia in quest'isola lo stile romanico ha assunto un'espressione caratteristica, con tratti che non trovano riscontro nelle costruzioni presenti in altri luoghi. Questo fenomeno si deve all’insediamento, in Sardegna, di diversi ordini religiosi provenienti da diverse città sia, italiane che francesi, che si è verificato durante il periodo medievale, quando in Sardegna si era stabilito una forma di governo particolare: il Giudicato.

Il sovrano, detto appunto Judex, dei quattro giudicati in cui era divisa la Sardegna, era coadiuvato da collaboratori, i curatòri: erano in genere persone colte e lungimiranti, propensi allo sviluppo culturale nella loro isola. D'altra parte, era risaputo che i diversi ordini monastici diffusi in tutto il territorio italiano dell'epoca, conoscevano ed applicavano nuove tecniche di coltivazione e di lavorazione dei prodotti agricoli, quindi richiamarli nell'isola, significava incrementare l'aspetto socio economico e al contempo quello architettonico.

Il propulsore di questo fenomeno fu un Judex, Baristone I, che, a capo del giudicato di Torres insieme a suo nipote Mariano I, nel 1063 fece richiamare nell'isola i monaci Benedettini di Montecatini, per ristabilire la moralità fra il clero, che stava assumendo comportamenti poco consoni ad un ordine religioso. In effetti egli proseguì il disegno del predecessore, suo padre Gonnario Comita, che aveva affidato la costruzione della Basilica di San Gavino di Porto Torres, a maestranze pisane. L'esempio del giudice di Torres fu seguito a ruota da altri governatori sardi, per cui si assistette all'invasione dell'isola da parte di svariati ordini monastici come i vallombrosani, i cistercensi, i camaldolesi, i vittorini, inoltre furono impiegate maestranze locali e francesi, soprattutto di origine provenzale e spagnola.  

L'architettura romanica in Sardegna ebbe un ragguardevole sviluppo e tuttora si ergono, a testimonianza, molte costruzioni dedicate al culto, il cui stile deriva dall’unione e dalla sinergia di influssi diversi, in quanto lo stile architettonico allora dominante (con i molteplici elementi caratteristici delle scuole di appartenenza), si è sviluppato attorno a quello nuragico, conferendo al romanico sardo, una connotazione singolare, inedita.

Il primo esempio di architettura romanica in Sardegna si trova a Porto Torres, rappresentato dalla Basilica di San Gavino, i cui lavori iniziarono nell'XI secolo ad opera di maestranze pisane, fu inaugurata nel 1080 dal giudice Mariano di Torres e dall'arcivescovo Costantino di Castra. Un esempio di romanico provenzale è rappresentato dalla Basilica di San Saturnino, dedicata anche ai santi Cosma e Damiano, la chiesa più antica di Cagliari.La costruzione rientra fra i più antichi complessi paleocristiani della Sardegna, nel 1089 il giudice Costantino Salusio lo donò ai monaci Vittorini di Marsiglia, che realizzarono i lavori di ampliamento e di restauro seguendo i dettami del loro stile architettonico.

Molto interessante dal punto vista architettonico, la bellissima Basilica di Saccargia che si erge a Codrongianos , in provincia di Sassari, in cui confluiscono influssi stilistici di diversa derivazione. La chiesa, in segno di ringraziamento per essere stato esaudito il desiderio di un erede, fu regalata da Costantino I ai Camaldolesi, che vi fondarono una loro abbazia, successivamente furono affidati interventi di ampliamento della chiesa e la costruzione del maestoso campanile, ad architetti appartenenti alla Scuola pisana, si deve invece a maestranze di Lucca la costruzione del portico, sulla facciata della chiesa, mentre gli affreschi dell'abside, nel XII secolo, sono attribuiti ad un ignoto artista dell'Italia centrale.

In provincia di Nuoro, nella città di Ottana, si può ammirare uno splendido esempio di architettura romanica di influsso Pisano: l'antica Chiesa di San Nicola, consacrata dal vescovo Zaccaria nel 1160. Al suo interno, affreschi attribuiti ad un artista francescano, rappresentano scene della vita dei santi Francesco e Nicola, accanto a due personaggi storici: il vescovo francescano Silvestro e il giudice d'Arborea Mariano IV. L'affascinante Cattedrale di Sant'Antioco, costruita in una zona isolata in prossimità di Chilivani, presso Ozieri, sorge su una collinetta di origine vulcanica, unica costruzione dell'area che domina in tutta la sua bellezza. Ci offre un esempio della miscellanea di diverse maestranze, infatti ai monaci Cistercensi si devono gli influssi francesi con le maestranze di origine borgognona, ma non mancano elementi caratteristici del romanico lombardo e del romanico pisano.

lunedì 28 dicembre 2015

Posti esclusivi ed idee speciali per vivere il San Valentino 2016 in modo indimenticabile. Con i Romantik Hotels & Restaurants, specialisti nelle vacanze per 2.

Un Amore così… Romantik!

Posti esclusivi ed idee speciali per vivere il San Valentino 2016 in modo indimenticabile. Con i Romantik Hotels & Restaurants, specialisti nelle vacanze per 2.

Lui bussa alla tua porta con un mazzo di rose rosse, tu stai appena sfornando una torta al cioccolato a forma di cuore, sulla tavola sono già pronte le candele… Eh no, cambiamo un po'. Quest'anno per San Valentino si fanno i bagagli e si parte! Tra vette imbiancate e piste da sci, rifugi di charme ad alta quota, oasi di benessere e trattamenti speciali dedicati solo a voi due: c'è solo l'imbarazzo della scelta. L'importante è che sia un'esperienza indimenticabile, una di quelle da conservare nell'album dei desideri per tutta la vita. Per questo ci sono i Romantik Hotels & Restaurants, specialisti per definizione dei più sognanti momenti per due.

Il mulino che macina amore, a Milano
Nell'intima atmosfera ruralchic del Romantik Hotel Mulino Grande di Cusago (MI), perla di ecodesign plasmata da un antico mulino nel Parco Agricolo Sud (le sue pale in legno sono parte integrante di questa raffinata struttura), i desideri più dolci degli innamorati sono esauditi. Con un "San Valentino pieno di coccole" si dorme in Junior Suite, per poi concedersi un rigenerante massaggio di coppia, il percorso umido nel centro wellness Beauty Solutions tra sauna, bagno turco, doccia emozionale, ghiaccio e zona relax, ed una cena romantica nell'elegante Ristorante Il Magiono. L'intera proposta è da 364 euro a coppia. Si può scegliere anche il pacchetto senza pernottamento (234 euro a coppia), o una serata "a tavola con amore", a base di delizie per il palato, il cui prezzo è di 96 euro a coppia. (Tel. 0290390731, www.romantikhotels.com/Milano, www.hotelmulinogrande.it )

La Torre dove vive la fiaba, all'Alpe di Siusi
Tra le Dolomiti dipinte di bianco, spuntano le linee dello Sciliar che rendono ancora più fiabesche le atmosfere dell'area vacanze Alpe di Siusi (Seiser Alm/Südtirol). In questo paradiso naturale, il tempio delle emozioni è il Romantik Hotel Turm di Fiè allo Sciliar (BZ), che con le sue torri antiche lascia immaginare storie d'amore d'altri tempi. Dal 12 al 15 febbraio 2016, si festeggia con 3 notti nella torre storica del XIII secolo, e cene con trattamento di mezza pensione con il menu Romantik di 4 portate o il menu 1001 calorie, un bagno rilassante Cleopatra nel latte e miele a lume di candela e brindando con calici di prosecco, ed un classico del romanticismo: una passeggiata in slitta trainata dai cavalli tra i paesaggi innevati dell'Alpe di Siusi, l'altipiano più grande d'Europa. A San Valentino poi, i due innamorati partecipano ad una serata speciale con menu di 5 portate e degustazione di vini in abbinamento. Il prezzo a persona è di 569 euro. (Tel  0471725014; www.romantikhotels.com/Voels, www.hotelturm.it)

2 Cuori e una Spa, in Val d'Ega
Nell'eden bianco della Val d'Ega, tra le maestose vette del Latemar e del Catinaccio, c'è un luogo dell'anima in cui ritagliarsi momenti di pura magia. È il Romantik Hotel Post Cavallino Bianco di Nova Levante (BZ), ad un passo dalle piste da sci, dove i due amanti in fuga possono vivere il sogno di immergersi nella vasca dell'imperatore lasciandosi accarezzare da petali di rosa, mentre fuori la neve decora le Dolomiti. È solo uno dei privilegi della proposta 2 Cuori e una Spa, che comprende anche un massaggio corpo Vitalstone e un CavallinoSpa Rasul per lui e per lei. I prezzi sono a partire da 120 euro al giorno per persona con trattamento di mezza pensione Romantik e servizi inclusi. L'hotel invita gli ospiti a sperimentare anche i percorsi benessere del centro Spa di 1500 mq con una splendida vista panoramica sulle montagne Patrimonio Mondiale UNESCO. (Tel 0471 613113, www.postcavallino.com)

Estasi di emozioni nella Private Spa, in Val Venosta
Dalla sua terrazza panoramica all'aperto con idromassaggio a 36° c'è una vista impareggiabile sulle cime innevate della Val Venosta. È solo una delle chicche del Romantik Hotel Weisses Kreuz, gioiello di architettura, charme e storia nel cuore di Burgusio (BZ), dove a San Valentino 2016 ogni piacevole vizio è consentito. Con la proposta "Tempo per noi due", ad accogliere gli innamorati c'è una camera decorata di fiori e bottiglia di Prosecco. Inoltre, le coccole cominciano già dalla colazione che viene servita nell'intimità della camera scelta. Di sera per gli ospiti c'è una cena romantica a lume di candela con vini abbinati nel ristorante panoramico, e la sorpresa di condividere momenti di tenero relax nella Private Spa del centro wellness & Spa Aura Mea, dotata di un idromassaggio per due, un lettino massaggi, la cabina a raggi infrarossi e un letto a baldacchino. Qui ci si immerge nell'acqua, per poi concedersi un massaggio parziale molto avvolgente e brindare insieme. Il prezzo è di 240 euro a coppia, in aggiunta al prezzo della mensa pensione. Per il soggiorno, dal 14 febbraio  prezzi a partire da 91 euro al giorno a persona inclusa la mezza pensione e lo spuntino pomeridiano. (Tel. 0473831307, www.romantikhotels.com/Burgeis , www.weisseskreuz.it)

Dolci tentazioni, in Alta Pusteria
Trattamenti divini per il corpo e per il palato invitano le coppie nei paesaggi incantati delle Dolomiti e delle Tre Cime di Lavaredo per un San Valentino da vip. Sono i "Giorni romantici da buongustai" del Romantik Hotel Santer di Dobbiaco (BZ), che dai suoi 1.252 metri di altitudine si immerge tra le piste di Plan de Corones, Cortina e l'Alta Pusteria. La colazione è servita in camera, poi i due piccioncini possono deliziarsi con un trattamento nella Private Spa per 90 minuti. Si comincia con un bagno ai piedi nelle vasche di cirmolo e un massaggio plantare, per continuare con un bagno nelle vasche di larice e con un massaggio classico di 25 minuti. Segue un momento di relax sul letto di fieno sorseggiando Prosecco e addentando tramezzini, o in alternativa spiedini di frutta e succhi. La Private Spa è dotata infatti di due vasche di legno con idromassaggio ed un lettino di fieno con cuscini di erbe profumate. Il pacchetto romantico, che esclude l'alloggio,  ma  include però una fonduta da assaporare davanti al camino scoppiettante, costa 210 euro a coppia. Con il soggiorno invece il prezzo è a partire da 402 euro a persona con 3 notti in mezza pensione. (Tel. 0474972142, www.romantikhotels.com/Toblach, www.hotel-santer.com)

Il rifugio di charme del Monte Rosa
La calda accoglienza di un ambiente dagli interni in legno e lo stile tradizionale Walser, tra 180 km di piste all'avanguardia del Monterosa Ski. È il sogno degli innamorati che oltre a trovare un intimo e raffinato rifugio d'amore, adorano divertirsi su e giù tra le vette, scegliendo una delle località sciistiche più ricercate in Valle d'Aosta. Siamo a Gressoney La Trinitè (AO), nel Romantik Hotel Jolanda Sport meta ideale da vivere sci ai piedi e in cui dedicarsi solo alla dolce metà. Nel centro benessere specializzato in trattamenti naturali, si può consumare il pacchetto al cioccolato, rilassandosi sul lettino della principessa Jolanda con fango al cioccolato, con un aroma-massaggio al cioccolato ed uno speciale idromassaggio della principessa sempre al cioccolato. Il prezzo è di 160 euro. Invece per restare tutta la settimana, soggiornando in camera doppia con trattamento di mezza pensione il costo è a partire da 820 euro a persona. (Tel. 0125366140, www.romantikhotels.com/Gressoney)

Nella Villa Veneta dove ha sognato Casanova, sulla Riviera del Brenta
Casanova, il più celebre amante di tutti i tempi, è stato ospitato qui, con altri personaggi del calibro di Byron, Galileo e Napoleone. Questa splendida villa veneta del XV secolo sulla Riviera del Brenta, avvolta da un parco secolare a 15 km dalla romanticissima Venezia, è oggi il Romantik Hotel Villa Margherita di Mira Porte (VE), scelta prediletta per una festa di San Valentino very chic. La proposta è per il 13 e il 14 febbraio 2016: il primo giorno ai due ospiti viene donata una bottiglia di Champagne accompagnata da una coppa di fragole, una mappa dettaglia della città lagunare e due maschere veneziane di alto artigianato locale. A San Valentino, invece, il risveglio è addolcito da una ricca colazione a buffet nella Sala dei Putti o per chi vuole in camera. Di sera si brinda a lume di candela negli ambienti eleganti del ristorante Margherita, degustando un'ottima cena. La proposta è di 105 euro a notte a persona, ma prolungando il soggiorno si pagano solo 75 euro a testa. (Tel. 0414265800, www.villa-margherita.com) 
Profondamente radicata nella rispettiva regione e plasmata dalla tradizione e dalla consapevolezza della qualità - questo è il senso dell'accoglienza per quasi 200 Romantik Hotels & Restaurants in 9 Paesi europei, che danno il benvenuto ai loro ospiti provenienti da vicino e da lontano. Individualità che sorprende, genuinità che delizia, genialità che cattura - in breve: un atteggiamento molto speciale verso la vita. Maggiori informazioni su www.romantikhotels.com



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI